Pagina:Bandello - Novelle. 3, 1853.djvu/407


predicando un frate minore in Favenza, che deveva aver studiato la cronica de le fole e la bucolica in cucina sul melone, disse publicamente che un papa, per determinar questa controversia, ordinò che a Roma l’uno e l’altro ordine facessero i loro capitoli generali e che conducessero i più dotti frati che avessero, a ciò che dinanzi a lui e a tutti i cardinali questa questione si disputasse per farne una autentica determinazione. Diceva adunque questo gran supputatore di tempi che i franceschini condussero il dottor sottile Scotto e i domenichini fra Tomaso d’Acquino, ne la cui dottrina molto confidavano. Si venne a la presenza del papa, e, disputando questi dui insieme, fece Scotto certi argomenti i quali non seppe lo Acquinate discioglier già mai; onde il papa con i cardinali diede la diffinitiva sentenza contra i frati predicatori. E su questa sua favola disse il frate minore mille pappolate da ignorante com’era. Predicava alora a Favenza nel convento nostro di Sant’Andrea fra Tomaso Donato, patrizio veneziano, predicator eloquente, dotto e graziosissimo, il quale per la sua dottrina e integrità di vita fu fatto patriarca di Vinegia, e credo che ancora viva. Egli, avendo inteso ciò che il zoccolante aveva il dì de la festa della Concezione predicato, stette assai dubio di ciò che fosse da fare. Sapeva egli molto bene che quando san Tommaso morì, Scotto ancora non era nato; ma non gli pareva dever portar le croniche in pergamo e col testimonio degli scrittori far parer il zoccolante bugiardo. Tuttavia perciò gli dispiaceva che i favenzini restassero con sì falsa favola in capo; onde si diede a fantasticare e chimerizzare che via tener devesse a confutar sì manifesta menzogna. E più e più modi avendo pensato, caddegli in animo una chimera vie più artificiosa che la bugia del zoccolante, conchiudendo tra sè che erano da usare quelle medesime arme ad espugnare l’avversario, che egli in oppugnare san Tomaso aveva recate in campo. Così deliberò con una ingegnosa e piacevole invenzione, ancora che falsa, di vincer il suo nemico. Tenne adunque modo che per la domenica seguente fosse particolarmente invitata la maggior parte dei cittadini e popolari di Faenza, perchè era per dir certe cose meravigliose e di gran piacere. Concorse tutta Favenza la domenica a la predica. Ascese fra Tomaso in pergamo e brevemente espose l’evangelio che il dì correva; poi disse: – Faenzini miei, il giorno passato de la nostra Donna il padre zoccolante predicando, come molti di voi sapete, predicò che in Roma Scotto aveva confuso, disputando, san Tomaso, e che il papa circa la Concezione aveva giudicato in favore de la sua religione;