Pagina:Bandello - Novelle. 3, 1853.djvu/222


diveniva; di che il padre accortosi, venne in tanta còlera che fu quasi per ammazzarla. Pur, temendo de la giustizia, non le fece altro male che di darle qualche schiaffo e dirle grandissima villania, con minacciarla fieramente. Volendo poi ad ogni modo sapere di chi ella fosse gravida, mai non puotè altro da lei cavare se non che egli la poteva uccidere e far di lei tutti gli strazii del mondo ma che mai non trovarebbe che uomo vivente ingravidata l’avesse. Diedele il padre dei punzoni e de le pugna pur assai ed in capo non le lasciò capello che ben le volesse. Ma che! egli la poteva, se voleva, strangolare e martoriar pur assai, che in effetto ella non averebbe mai saputo che altro dire di quello che si diceva. La cosa per tutto Medimborgo si divolgò, e come la figliuola d’Antonio Velzi era gravida si diceva in ogni cantone. Ed ancora che in quelle contrade sia tanta domestichezza quanta v’ho narrato, accade di rado scandalo, e se una figlia da marito si truova gravida, ella resta infame e, per ricca che sia, con grandissima difficultà trova marito del grado che trovato averebbe se ella fosse stata pudica, tanto è l’onestà in prezzo appo tutte quelle genti. Ora intendendo questo, Pietro ne ebbe un piacere indicibile, parendogli il suo avviso riuscire al desiderato fine, e che questa era la strada d’aver la sua innamorata per moglie, la quale egli amava più che mai. Venuta l’ora del partorire, partorì Maria un bellissimo figliuolino, e per tutta la terra si seppe; di che Pietro non si puotè contenere che non ne dimostrasse meravigliosa contentezza. Il che fu reputato che egli facesse per aver piacere del vituperio del suo nemico: ma egli aveva altro in animo. Aveva di già la madre di Maria accordata una nutrice, a la quale aveva promesso un ducato il mese, e a quella diede il nipote a nodrire, pregandola molto caramente che n’avesse buona cura. E così la nutrice portò il bambino in una villetta vicina a Medimborgo un picciolo miglio, perchè Antonio non volle che in casa sua fosse allevato. Il che sapendo Pietro, che aveva le spie per saper ciò che si farebbe del nasciuto figliuolo, andò a trovar, un dì di quella settimana che Maria aveva partorito, la nutrice e le disse: – Sorella mia, avvertisci bene a quello che io ti dico e guarda, per quanto ti è cara la vita, che tu a persona del mondo mai non manifesti cosa che io ti dica. Attendi diligentissimamente a questo figliuolo e non gli lasciar mancar cosa del mondo. Io ti darò ciascun mese dui ducati, e vederai come io ti saperò trattare, se tu ne hai buona cura. – Ed amorevolmente basciò il suo figliuolino più volte, e molto lieto ritornò in Medimborgo. Levata di parto, Maria più non era