Pagina:Bandello - Novelle. 3, 1853.djvu/115


ferventemente amava ammorzar già mai, deliberò in ultimo attender ciò che il conte con la figliuola operasse. Indi uscito del camerino, quantunque tutto mesto e di pensieri noiosi aggravato e pieno d’una mala contentezza fosse, si sforzò perciò tuttavia con una lieta faccia nasconder la passione che di dentro lo rodeva. Il conte, come fu dal re partito, al suo albergo diritto se n’andò, pensando e ripensando quanto il re gli aveva communicato. Essendo' 'giunto a casa ed in camera entrato, poi che cose assai ebbe tra sè discorse, sapendo la figliuola esser in casa e deliberato parlar con quella a lungo, la si fe’ domandare. Ella di subito, senza far dimora, al padre se ne venne. Volle alora il conte che la figliuola a lui dirimpetto sedesse, ed in questa guisa a ragionar seco cominciò: – Io porto ferma openione, figliuola mia carissima, che non poco de le cose che oggi da me sei per udire, che ora ti dirò, ti meraviglierai, e tanto più te ne meraviglierai e resterai d’estrema ammirazione piena, quanto che ragionevolmente ti parrà che a me punto non si convenisse far teco simil ufficio. Ma perchè sempre si deve di dui mali elegger il minore, io non dubito che tu come saggia, chè sin da la tua fanciullezza tale t’ho conosciuta, farai l’elezione che io medesimamente ho fatta. Io, figliuola, da che mi parve aver del bene e del male alcuna conoscenza essendo ancor garzone, e fin al presente, sempre più stima ho fatto de l’onore che de la vita, perciò che secondo l’openion mia, quale ella si sia, assai minor male è morir innocente senza macchia che viver disonoratamente e diventar la favola del volgo. Tu sai che cosa è a l’altrui imperio esser soggetto, ove bisogna molte fiate far il contrario di quanto s’ha ne l’animo, e attese le qualità dei tempi, secondo le voglie dei signori nuovo abito vestirsi. Ora ciò che io ti vo’ dire è che monsignor lo re oggi m’ha fatto chiamare, e quando dinanzi a lui stato sono, assai con caldissime preghiere m’ha pregato ed astretto che io in una cosa, che da me era per domandare e che la vita a lui importava, lo volessi servire, proferendomi tutto quello che io saperei a bocca chiedere che in suo poter fosse. Io, che nasciuto vassallo e servidore a questa corona sono, largamente la mia pura fede gli impegnai che tutto ciò che mi comandasse con ogni mio potere ad effetto manderei. Egli udendo la mia libera promessa, dopo molte parole accompagnate da sospiri e lagrime, a me si scoperse che sì fieramente e di tal modo è di te e de le tue bellezze invaghito, che senza il tuo amore egli a patto nessuno viver non puote. E chi, per Dio, si averebbe imaginato già mai che di simil faccenda il re