Pagina:Bandello - Novelle, ed. riveduta, vol 1, 1928 - BEIC 1971550.djvu/360


di casa del Bologna e andarono a l’osteria, perciò che nessuno ebbe ardire, per tema del cardinale e del fratello, di restar seco come ebbero intesa la cosa; anzi ,s’accordarono tra loro che la matina seguente uno dei gentiluomini andasse a Roma per le poste a trovar il cardinale ed avvisarlo del tutto, ove anco era l’altro fratello. E cosi ,si fece. Gli altri tutti verso il Regno s’ inviarono. Rimase adunque la duchessa col jsuo nuovo marito e seco in grandissima contentezza viveva. Quivi partorí ella, non dopo molti mesi, un altro figliuol maschio, al quale posero nome Alfonso. Mentre che costoro dimoravano in Ancona amandosi piú di giorno in giorno, il Cardinal di Ragona con il giá detto suo fratello, che a modo nessuno non volevano sofferire che la sorella loro a simil modo maritata si fosse, fecero tanto col mezzo del Cardinal di Mantova, il signor Gismondo Gonzaga che era sotto Giulio II pontefice massimo legato d’Ancona, che il Bologna con la moglie furono dagli anconitani licenziati. Eglino erano stati in Ancona circa sei o sette mesi, ed ancora che il legato instasse per fargli mandar via, erano tante le pratiche che il Bologna faceva che la cosa andò in lungo. Ma conoscendo il Bologna che al fine saria licenziato, per non esser colto a 1’ improviso, avendo un suo amico a Siena, procurò aver salvocondotto da quella Signoria e l’ebbe di potervi con tutta la famiglia stare. In questo mezzo egli mandò via i figliuoli ed ordinò le cose sue di modo che il di medesimo che ebbe il comandamento dagli anconitani di partirsi fra quindici giorni, egli con la moglie ed altri suoi montato a cavallo se n’andò a Siena. Il che i dui fratelli Ragonesi intendendo e veggendosi ingannati, ché pen- savano a l’improviso còrgli per la via, fecero tanto con Alfonso Petrucci Cardinal di Siena, che il signor Borghese fratello del cardinale e capo de la Signoria senese operò che medesima- mente da Siena il Bologna fu mandato via. Il perché assai pensando dove si devesse riparare, deliberò con tutta la famiglia andar a Vinegia. Si misero adunque in viaggio caminando per quello dei fiorentini verso Romagna per mettersi in mare e navigar a Vinegia. E giá essendo arrivati su quello di Forli,