Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1912, V.djvu/346


NOTA 343 di quelle, che in camera erano, sapeva a che fine il re le avesse fatto chiamare. Aveva prima il re deliberato di fare alla presenza di tutti ciò cbe fare voleva; ma, cangiato poi d’openione, non volle altri uomini se non li quattro sovra detti per qualche suo conveniente rispetto che gli occorse. Dinanzi adunque de li quattro uomini e de le quattro donne il re fattosi dal principio, puntualmente narrò tutta l’istoria del suo amore c quanto in quella ora tra la bella Aelips e lui era successo. III. Mancando dunque ogni controllo di manoscritti; non potendosi dare se non una importanza molto relativa anche alle principali edizioni del Sette e dell’Ottocento, le quali, dove si discostano dal testo del 1554 e del 1573, rappresentano solamente il gusto o il preconcetto di chi le curò; e dovendosi infine ritenere che l’edi¬ zione lucchese, sebbene, verisímilmente, la stampa non abbia avuto le cure dirette dell’autore, rappresenti tuttavia l’espressione defini¬ tiva del suo pensiero; essa rimane il solo fondamento per una edi¬ zione che voglia come la nostra essere criticamente condotta. Del volume lionese non potremmo dire con altrettanta sicurezza che rappresenti l’ultima espressione del pensiero dell’autore; tuttavia è chiaro gli deva esser assai più vicino che non le edizioni po¬ steriori, le quali, appunto perché questo volume offre non poche e non sempre lievi differenze dai tre precedenti, più ne modifi¬ carono la lezione, volendola eguale per tutte le quattro parti. Per tutto ciò fondamento unico di questa nostra edizione furono ne¬ cessariamente i tre volumi di Lucca e quello di Lione. Ma, come già io dissi, essi sono tipograficamente scorretti: molto spesso vi si usa « quando » per « quanto », o il contrario, e sempre io ho cor¬ retto secondo il senso mi suggeriva (0; specialmente scorretto è il secondo volume, e in particolar modo nelle novelle 34 e 35. Di qui la necessità di ricostituire qua e là il testo, in non molti luoghi, a dir il vero, relativamente alla gran mole del novelliero bandelliano. Alcune lacune maggiori indicai ai loro luoghi in nota a piè di pagina; oltre di esse e oltre gli errori puramente materiali, che è facile rilevare e correggere e dei quali stimo inutile dare l’elenco, (0 Alla p. IO-, r. 22, del nostro ili volume si legga per l’appunto •< quanto » per « quando ». 344