Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1912, V.djvu/325


322 APPENDICE quelli, a l’orecchie dei quali non fossero pervenute mai per l’ad¬ dietro, e che quelli che le sanno mi tenessero poco giudizioso, poi che, non dicendo di loro abastanza, vi diminuissi le lodi pen¬ sando d’accrescervele. Ma questo non vi posso già tacere, che da loro sono stato mosso e da la cortesia sono stato invitato, come ho detto, e da la umanità, per il che ho preso ardire di voler farvi chiaro che sono ancora io nel numero di quelli che osservano ed ammirano le virtù vostre, le quali hanno -forza di farvi amare ed onorare da quelli che non vi hanno conosciuto se non per fama. Laonde, venendo in luce per mezzo de le mie stampe la prima parte de le Novelle, anzi più tosto Casi occorsi, dal Bandello rac¬ colti e descritti, ho pensato indirizzarla a voi, a ciò vi degniate onorarla col vostro nome, e non perch’ella debbi apportare onore e chiarezza a voi, ché da voi medesimo séte chiarissimo e ono¬ ratissimo. Accettatela dunque con quell’animo che v’è porta, e non vogliate al dono né a chi dona, ma a voi medesimo riguardare. E leggendola quando vorrete alquanto di ricreamento da’ vostri gravi pensieri, e veggendo in essa quanto possa la fortuna nei casi umani, rallegratevi con voi medesimo che ella non possa con¬ trastare i dissegni vostri, anzi sempre a guisa di serva vile sia da voi tenuta oppressa col piede, tanto è grande il valore de l’animo vostro invitto. Il quale, dopoi che sarà da voi ricreato per la le¬ zione dei vari successi e piacevoli avvenimenti che in essa tro¬ verete sparsi, potrà con maggior vigore tornar là dove la virtù propria il chiama, per acquistarsi con l’opere virtuose perpetuo splendore ed immortai gloria. Intanto voi, signor mio, accettate insieme col picciol dono la servitù mia, che con grandissima af¬ fezione vi consacro; e basciandovi umilmente le mani, vi prego quella felicità che desiderate e che meritate. Di V. S. illustrissima affezionatissimo servitore Vincenzo Busdrago. Di Lucca, il di xx di marzo MDL1III.