Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1912, V.djvu/265


FARTE QUARTA cadèro in bocca. Il povero medico, tutto impastato in quella lordura, si destò, e volendo gridare, fu sforzato ingozzarne pa¬ recchie onde, di modo che, borbottando, destò il marchese. Il quale, sentendo tanta puzza e il rammarico del medico, disse: — Che diavolo fate voi? chi ha caccato? — Il Gonnella, che già era uscito di letto, disse: — Marchese, vedete che io ho so¬ disfatto al debito mio e vi ho fatto astrologo, ché a mezzanotte, a l’improviso, senza lume e senza calcolare, avete il vero indovi¬ nato a la prima, perché il medico è tutto pieno di merda. — Chia¬ mati poi alcuni servitori, si fece menar via il medico con le lenzuola, e il marchese disse: — Gonnella, Gonnella, questa è bene stata una de le tue; ma la puzza troppo. — E si tornò a dormire.