Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1912, V.djvu/233


230 PARTE QUARTA che volevano prendere il fratello di lei che senza arme era, dato mano a una spada, uno di quei sergenti animosamente assali e l'ammazzò, e l’altro di una stoccata feri e fece fuggire. Ora questi di, ne l’orto de li nostri signori Attellani ragionan¬ dosi in una buona compagnia del valore di molte donne, vi si ritrovò messer Bartolomeo Bozuomo, che era stato quaranta anni schiavo di turchi, il quale a proposito di quello di cui si ragio¬ nava, narrò una singolare prodezza fatta contra turchi da una giovanetta greca, la quale animosamente a uno gran numero di turchi, che la patria sua assediavano, si oppose. Avendola poi descritta, al vostro nome, per segno de la mia servitù e vostra infinita cortesia, quella consacrai. E cosi ve la mando e dono. State sana. NOVELLA XVIII (XIX) Prodezza mirabile di una giovanetta in servare la patria contra turchi, da la Signoria di Venezia magnificamente rimeritata. A la signora Gioanna Sanseverina e Ca- stigliona messer Bartolomeo Bozuomo. Per essere io stato più di quaranta anni schiavo ne le mani de li turchi, fui più volte condutto in vari luoghi di essi turchi, e massimamente per Grecia, ove sono di bellissimi paesi e molte fruttifere isole sotto l’obedienza loro. E al proposito di quello che ora voi ragionavate del valore di alcune donne, vi dico, signori miei, che avendo l'armata turchesca, per quanto intesi da uomini turchi che si erano trovati a l’assedio di Coc- cino, terra ne l’isola di Lenno, assalita essa isola nel mare Egeo e posta l'ossidione attorno a Coccino, dopo l’avere in¬ darno combattuto Lepanto, cominciarono con artegliaria a battere le mura di Coccino e fieramente danneggiarle; di modo che in più battiture con cannoni fatte gettarono per terra una de le porte, per la quale i turchi facevano ogni sforzo per intrar dentro. Li soldati veneziani, insieme con gli uomini e donne del luogo, facevano gran resistenza; ma nessuno era che più valorosamente e con maggiore animo combattesse contra tur¬ chi di quello che faceva uno compagno de la terra, chiamato