Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1912, V.djvu/23


20 PARTE TERZA in zifera, ma apertamente dirle il suo bisogno. E cosi, pigliata un giorno la oportunità ed entrato seco in vari ragionamenti, a la fine le disse: — Madama, io più e più volte mi sono apposto per farvi conoscer l'amore ch’io vi porto e la tormentosa pas¬ sione che per voi soffro; ma voi non m'avete mai voluto in¬ tendere, di modo che, veggendomi da soverchio tormento morire, sono sforzato gittarmi a’ piedi vostri ed umilissimamente chiedervi mercede e supplicarvi che abbiate pietà di me, perciò che io non posso più durare in queste passioni. — La monaca, che poco di lui e meno de le sue ciancie si curava, gli rispose che egli le pareva un pazzo a dir simili materie e che in altro pensasse. Fra Filippo, che averebbe voluto appiccar la coda a la cavalla di compar Piero, le rispose e le disse: — Madama, voi non fate se non dire, e non sentite ciò che sento io. Ma se la cosa vostra vi desse la metà fastidio che fa quel mio diavolo che ho tra le gambe, voi pregareste me, ove io ora sono astretto a pregar voi; ché vi giuro per lo battesimo che ho in capo, che tutto il di e tutta la notte egli mi sta dritto e duro come una cavicchia di ferro, e mi dà tanta passione che io noi posso sofferire. — Sentendo queste pappolate, la monaca quasi mezzo adirata gli disse: — Fra Filippo, se voi non lo potete sofferire, vostro sia il danno: andate e tagliatevelo via, e sarete libero dal tormento che dite che vi dà. — Si parti molto di mala vo¬ glia messer Io frate, ed entratogli il diavolo nel capo, se n’andò a la sua camera, ed avuto, non so come, un rasoio, prese un laccio e quanto più stretto puoté con dui e tre nodi si legò vicino ai testimoni il membro, e col rasoio in un tratto via se 10 tagliò tutto netto. E non sentendo ancor dolore, perciò che la stretta legatura aveva di modo mortificato il membro, che sangue non ne usciva né gli dava doglia alcuna, se n’andò a trovar un frate suo compagno, che era consapevole dei suoi segreti, e si gli disse: — Frate mio, io mi sono castrato, e so che il mio membro più non mi molesterà. Guarda qui. — Restò 11 compagno a simile spettacolo tutto stordito, né sapeva che si dire. Da l’altra parte fra Filippo, a cui pareva d’aver fatto uno dei bei tratti del mondo, si messe d’allegrezza a saltare.