Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1912, V.djvu/218


NOVELLA XV (XVl) quali a si gran prencipe si convenia, e la cassa fu interrata in¬ nanzi l’altare maggiore in la chiesa di San Giacomo. Poi rime¬ nando la compagnia verso Guascogna, egli con il camerieri a buone giornate se ne andò a trovare il re Lodovico Crasso, cui diede la nuova come il duca Guglielmo era morto in Gal- lizia, e li presentò il testamento che esso duca fatto avea. 11 re, condolutosi de la morte del duca, ebbe molto cara la dispo¬ sizione che il duca fatto avea de li mariaggi de le figliuole. Alberto segretario pigliò congedo da li compagni, dicendo che, poi che il duca suo signore era morto, egli voleva rendersi religioso; e secondo che al duca avea promesso, Io andò a trovare, e vestito con lui da romito attese ancora egli a fare penitenza. Il duca, in luoco di uno mordente cilicio, si avea vestita una corazza di ferro sopra la carne nuda, e sotto il cap¬ puccio avea concio una pure di ferro celata, per più aspramente macerare la sua carne. Sarebbe troppo lungo parlamento a nar¬ rare e discorrere di uno in uno tutti quei peregrinaggi che il duca, con Alberto in compagnia, sempre caminando a piede, sofferendo mille disagi, pazientissimamente fece. Andò a Roma, cd ebbe il modo di baciar il piede al sommo pontefice Inno- cenzio, cui era stato lungo tempo si aspro rubello; e a lui si ma¬ nifestò chi fosse e con grandissima umilità e abondanti lagrime li dimandò perdonanza. II papa lo accarezzò molto caritativa¬ mente e, mille volte benedicendolo, quello esortò a perseverare nel suo santo proponimento. Partito da Roma, se ne andò a visitare il santo sepolcro in Gierusalem. Colà visitò tutti quei divoti luoghi di Terra Santa, e assai vicino a Gierusalem edi¬ ficò uno monastero di religiosi, ove egli dimorò cerca nove anni, facendo di continovo una vita molto austera. Alberto me¬ desimamente seguiva in tutto le vestigie del duca. Ritornò poi in Italia il duca, e in Toscana nel territorio di Pisa in una selvaggia contrada, negli anni di nostra salute mille cento cin- quantasei, fece uno eremitorio, ove si congregarono molti romiti, vivendo santissimamente insieme. Dopoi il duca ebbe rivelazione come il fine de la vita sua si appropinquava; onde uno giorno, chiamato a sé Alberto, amorevolmente in questa guisa li disse: