Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/84


NOVELLA XXXIX 81 attaccasse il suo corsiero ad uno di quegli arbori, ed egli altresi dismontò dal suo e lo legò ad un tronco. Come tutti dui furono a piedi, attendendo Beltrando ciò che questo volesse dire, il duca alora cacciata la sua spada del fgdro, con alta e ferma voce gli disse: — Beltrando, metti mano a la tua spada e da me ti dif- fendi fino che tu puoi, ché io non vo' vantaggio nessuno da te. Sforzati pure di far ciò che tuo padrone che qui ti mandò t’ha comandato, perché io so che tu sei venuto in casa mia per uc¬ cidermi. — A queste parole il tedesco tutto sbigottito, cavatasi la spada e quella tratta via, s’inginocchiò e con le braccia in croce domandò perdono al duca, dicendo che era vero ciò che egli diceva, ma che veggendo il bene ch’egli fatto gli aveva, s’era pentito e l’aveva fedelmente servito e che contra lui non pren¬ derebbe l’armi già mai. Filippo alora gli rispose: — Or via, vatti con Dio con ogni cosa del tuo e fa’ che più non ti veggia su lo stato mio, ché tu sei un vile e codardo non ti dando l'animo d’essequire ciò che il tuo padrone t’ha comandato. — Il tedesco si parti con più prestezza che non si dà la fava la notte dei morti. Or sarebbe un bel disputare se il tedesco restò d’essequir l’impresa per viltà o per le carezze e beni ricevuti dal duca, e se questa opera di Filippo, ancor che avesse buon fine, è degna di lode o di biasimo. E questa questione lascierò io, madama, al vostro conseglio ed a questi signori; ed io fin qui avendo ragionato, ascolterò ciò che se ne dirà. M. Band ELLO, Novelle.