Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/81


78 PARTE PRIMA decapitar molti; onde essendo i parigini molto facili a le mu- tinazioni si sollevarono un’altra volta, ed il borgognone col mezzo di Giovanni Villiars che era signore de l’Isola di Adam pigliò Parigi, e vi morirono più di tre mila uomini, tutti gli ufficiali del re ed altri, con il conte di Armignac contestabile di Francia, Enrico di Marli cancegliero del regno, il conte di Gran Prato ed altri signori. Il re in quei di era gravemente infermo nel ca¬ stello del Lovore, il quale con la reina rimase in poter de’ bor¬ gognoni; e se messer Tanegiù di Castello, cavaliero ardito e prudente e creato del duca Luigi d’Orliens morto, non condu¬ ceva per la porta de la bastia a Miluno il delfino, egli era o prigione o morto. Fecero adunque i borgognoni di gran danni ed altrettanto ne feee Enrico re d'Inghilterra, il quale cercava con tutti i modi unirsi col duca Giovanni. Ma trattandosi l’accordo tra il delfino, che si scriveva « governator di Francia » ed al quale molti baroni s’erano uniti, ed il borgognone, si elesse una do¬ menica, nel qual di sul ponte di Monasteruolo Faultrione, ove era fatto un tabernacolo, il delfino con il duca Giovanni con dieci cavalieri per ciascuno parleria e si conchiuderia l’accordo. Entrò il determinato giorno dentro il tabernacolo, o sia padi¬ glione che su il ponte era tirato, il delfino con i suoi dieci cavalieri, e da l'altrgfl parte v’entrò il duca con i suoi. Quivi dopo l’accoglienze fatte si cominciò a contrattar de le cose de la pace. Il borgognone che si vedeva esser su l’avvan¬ taggio avendo ne le mani Parigi con il re e la reina, usò di molte parole arroganti e superbe, a le quali monsignor delfino rispose con molta umanità e prudenza. E perseverando pure il duca in parlar molto superbo e non tenendo conto de la persona del delfino, anzi più tosto villaneggiandolo, messer Tanegiù di Castello che era uno dei dieci cavalieri del delfino, non potendo sofferire la superbia del borgognone e bramoso di vendicar il suo duca Luigi, alzò una azza che aveva in mano e quanto più gagliardamente puoté diede una gran percossa sul capo al duca di Borgogna e subito l’ammazzò. Di che sbi¬ gottiti quelli che erano seco e dubitando non esser morti, tutti fuggirono via, ed il delfino con i suoi si ridusse anco egli