Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/434


NOVELLA XI 431 E che cosa è questa? — disse il bresciano. — Io ve lo dirò soggiunse il prete. — Questa sera essendo partito di casa di Mondarello, qui vicino fui assalito da non so chi, il quale sfodrata la spada mi disse: — Ahi traditore, tu sei morto ! — e mi corse a dosso; e io fuggendo me ne venni qui in casa, dove la madonna sgridò colui che mi perseguitava. Ora venendo qui non so chi per cavar vino, io volli uscire eh’ io era dietro ad una botte, ma quella donna gridando se ne fuggi, ed a la voce io la conobbi donna. — Orsù, siate pure il ben trovato, domine — disse il bresciano. — Andiamo a cena. Ma ditemi, che avete voi a far con quella bestia di Morgante, ché mia moglie mi disse che Morgante era colui che vi venne dietro con la spada in mano? — Nulla ho io da far con Morgante, né chi mi assali fu egli, perciò che come sapete, Morgante è grande e grosso e per questo gli hanno messo cotal nome, e colui che mi voleva ammazzare è picciolo, proprio de la vostra statura. — E cosi parlando vennero di brigata a la camera ove la cena era in ordine. Come la donna vide il domine — Ecco — disse ella — che io non era ubriaca. — Si scaldarono e poi si diede l’acqua a le mani e tutti di compagnia lietamente cenarono. La donna ancor che molto bene fosse pasciuta di dol¬ citudine, nondimeno ella mangiò molto bene e bevette secondo l'usanza sua meglio. E ser castronaccio dopo che molte ciancie ebbe dette, ringraziò Iddio che si bella e buona compagnia gli aveva dato a cena. Dopo cena tutti accompagnarono il sere a la chiesa. I tre compagni quando agio avevano, attendevano a con¬ solar la donna, la quale seppe si ben fare che tutti tre accordò insieme e con loro si dava buon tempo, i quali si davano amo¬ revolmente luoco l’un l’altro. Ella poi non contenta di costoro, a molti anco fece copia del corpo suo, parendole che il tutto fosse niente se non star su l’amorosa vita, e più che poteva cangiava pasto. Né mai ser beccone se n’accorse, o se pur se n’avide, egli mangiò tanto zafferano che fece buono stomaco. E per quello che io ne intendo, ella fa il medesimo ora a Ve¬ rona dove sta. Pensate se ella è di quelle buone; ma non è meraviglia, perché allevata e nodrita in chiazzo, credo io che dentro vi voglia viver e mori