Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/417


414 PARTE SECONDA che il nostro pittore gli beffasse, almeno diremo che diede loro il giambo, e v'aggiungeremo per terzo l'eccellente messer Giro¬ lamo Fracastore, che sempre che gliene dimandarete, largamente vi confesserà come restò ingannato. Io non credo già che ci sia uomo di cosi poco vedere che voglia parangonare a costoro Calandrino e maestro Simone; e se il facondissimo Boccaccio avesse avuto questo soggetto, io mi fo a credere che ne ave¬ rebbe composta una o due bellissime novelle ed ampliatele e polite con quella sua larga e profluente vena di dire. Ma io dirò semplicemente il caso come occorse, senza fuco d'eloquenza e senza altrimenti con ampliazioni e colori retorici polirlo. Devete adunque sapere che il pittore di cui vi parlo fu maestro Giro¬ lamo da Verona, che quasi tutti avete conosciuto e poco tempo è che mori. Egli era il più faceto e piacevol uomo ed il meglior compagno che si possa imaginare, e troppo volentieri dava il giambo ed il pigliava. Era poi tanto affezionato ai nostri signori veneziani che tutta Verona per tale il conosceva. Ora in quei calamitosi tempi de le guerre che tanto a la città nostra nocquero e senza dolore non si ponno ricordare, mentre che Verona fu in poter dei nemici di San Marco, non era possibile che maestro Girolamo tacesse e che non discoprisse l'affezion sua. Aveva il conte di Cariati un giorno fatto levar via San Marco ch’era su la porta del palazzo del signor podestà, e in luoco di quello volle che vi si dipingesse l’aquila con l’insegna di casa d’Austria. Fu l’impresa data a maestro Girolamo il quale mal volentieri prese l’assunto di farlo; nondimeno non essendo a quei di chi gli desse guadagno, per esser una gran parte dei cittadini fuori, chi in essiglio e chi per non veder tutte l'ore lo strazio che dai soldati si faceva, non avendo altro essercizio a le mani da guada¬ gnarsi il vivere, si mise a dipingere le dette insegne. E mentre dipingeva v’era sempre gente in piazza ed alcuni si fermavano a vedere. Il buon pittore a cui troppo era dispiaciuto il levar via San Marco e gli doleva dever far quell’arme, non si poteva con¬ tener che non sospirasse e molte volte dicesse: — « Durabunt tempore curto », — onde fu subito accusato al conte per un gran marchesco. Il conte dubitò che forse ne la città fosse alcun