Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/379


376 PARTE SECONDA egli chiaramente conobbe che era figliuola del padrone de la casa, ed anco se ne certificò da un suo benvogliente dimandandogli di molte donne. Di questo si trovò forte di mala voglia, stimando cosa perigliosa e molto difficile a poter conseguir desiderato fine di questo suo amore. Ma già la piaga era aperta e l’amoroso veleno molto a dentro entrato. Da l’altra banda Giulietta bra¬ mosa di saper chi fosse il giovine in preda di cui già sentiva esser tutta, chiamata una sua vecchia che nodrita l’aveva, entrò in una camera, e fattasi a la finestra che per la strada da molti accesi torchi era fatta chiara, cominciò a domandarla chi fosse il tale che cosi fatto abito aveva e chi quello che la spada aveva in mano e chi quell’altro, ed anco le richiese chi fosse il bel giovine che la maschera teneva in mano. La buona vecchia che quasi tutti conosceva, le nominava questi e quelli, ed ottima¬ mente conosciuto Romeo, le disse chi fosse. Al cognome del Montecchio rimase mezza stordita la giovane, disperando di poter ottener per sposo il suo Romeo per la nemichevol gara che era tra le due famiglie; nondimeno segno alcuno di mala contentezza non dimostrò. Andata poi a dormire, nulla o poco quella notte dormi, vari pensieri per la mente rivolgendo; ma distorsi d'amar il suo Romeo né poteva né voleva, si fieramente di lui accesa si trovava. E combattendo in lei Tincredibil bel¬ lezza de l’amante, quanto più difficile e perigliosa la cosa sua vedeva, tanto più pareva che in lei, mancando la speranza, crescesse il disio. Cosi combattuta da dui contrari pensieri, dei quali l’uno le dava animo di conseguir l’intento suo, l’altro del tutto ogni via le troncava, diceva bene spesso tra sé: — Ove mi lascio io da le mie mal regolate voglie trasportare? che so io, sciocca che sono, che Romeo m'ami? Forse lo scaltrito giovine quelle parole per ingannarmi m’ha dette, a ciò che ottenendo cosa da me meno che onesta, di me si gabbi e donna di volgo ini faccia, parendoli forse a questo modo far la vendetta de la nemistà che tutto il di incrudelisce più tra i suoi e i miei pa¬ renti. Ma tale non è la generosità de l’animo suo che soppor¬ tasse d’ingannar chi l’ama e adora. Non son le vaghe sue bellezze, se il viso dà indizio manifesto de l’animo, che sotto