Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/314


NOVELLA li 311 digiuni e vigilie la notte quando posar deverei, macerarmi, pigliar discipline, far altre mie divozioni; se voi, uomini e donne, grandi e piccioli, pieni d’ogni sceleraggine, fate de la casa di Dio una stalla? E chi saria di voi che volesse comportare che un vo¬ stro vicino od altri venissero in casa vostra a far cotesti va¬ gheggiamenti ch’io veggio far qui dentro nel cospetto di Dio? Certo, per quello eh’ io me ne creda, nessuno; anzi ciascun di voi pigliarebbe l’arme in mano e vorria ammazzar qualunque persona ardisse venirvi. Ora se voi noi comportareste in casa, volete che Iddio ve lo comporti dentro il suo santo tempio che è la casa sua propria, ne la qual si deve star divotamente ai sacri e divini uffici? Attendete bene a ciò ch’io vi dico ora ed aprite ben gli orecchi, gente del diavolo che voi séte. Pigli ciascuno le mie parole con quel buon animo che io le dico; guardate ben bene che non entrino per un’orecchia e se n’escano per l’altra. Tenetele a mente e fate che vi restino scolpite nel mezzo del core, cercando tuttavia d’emendarvi e far penitenza del vostro peccato, altrimenti guai a voi! Io vi dico, io v’affermo, io ve lo annonzio, che Iddio per i peccati vostri è tanto adirato contra tutti voi che ha deliberato, non veggendo per l’avvenire emenda nei fatti vostri, di darvi cosi fiero ed acerbo castigo che restarete per essempio a tutto il paese bre¬ sciano e a tutta Lombardia, e ovunque anderete sarete mo¬ strati a dito per i più tristi e scelerati uomini del mondo. E que¬ sto castigo apparterrà a tutti. Questi bravi che hanno il cer¬ vello sovra la berretta e non stimano né Dio né santi, oh come saranno puniti ! I ladri chetanti ladronecci tutto'1 di fanno per le possessioni e case di questi e quelli, pagheranno amaramente i furti loro. A le gavinelle e fraschette di queste donne giovani che quando sono in chiesa e che doveriano star divotamente agli uffici divini e dir la corona ed il rosaio, stanno a frascheg¬ giare e con gli occhi alti a vagheggiar i lor innamorati e veder quante mosche volano per l’aria, buon prò li sarà se non per- deno gli occhi. E voi padri e madri e voi altri uomini vecchi che vedete tante lascivie e dissoluzioni nei figliuoli, figliuole e prossimi vostri e non gli sgridate anzi ve ne ridete, guai