Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/247


244 PARTE PRIMA commissione di messer lo dottore v'andava accompagnata. De le predicazioni, vespri ed altri divini offici non accadeva par¬ larne, e meno d’andar a feste e nozze se ben era invitata. Ma quello che più d’ogn’altra cosa la sventurata e disperata gio¬ vane tormentava era il vedersi un marito vecchio a lato, che tante vigilie e digiuni far le faceva che a pena una volta il mese la copriva, e massimamente dopo il primo figliuolo che ella fece il primo anno del suo infelice maritaggio. F.d ella averebbe voluto tutte le notti esser ben coperta e non perder cosi mi¬ seramente la sua gioventù. Ma era tanto gramo e di si poca lena il dottore che quelle poche volte che con madonna Cor¬ nelia veniva a battaglia, ancor chfe molto di rado vi venisse, stava dapoi molti e molti di prima che egli potesse ristorar le perdute forze; e si credeva pure con buone parole e certe ra¬ gioni sue poco importanti che le diceva, appagarla. Il che era indarno, perciò che la mal pasciuta giovane averebbe voluto fatti e non parole. Ora essendo ella stata circa quattro anni in cosi misera vita e veggendo che di quel di casa non poteva in guisa alcuna prevalersi, poi che assai sopra questo ebbe pen¬ sato, deliberò buttarsi a la strada e procacciarsi di quello di fuora trovando persona che le provedesse di quello che più le bisognava. Ma tanta era la solenne e continova guardia che l’era fatta, che molto malagevolmente poteva far cosa che pro¬ fitto le recasse. Veggendo adunque l’estrema difficultà che aveva in trovarsi gentiluomo pavese o scolare che il suo mal coltivato orto innacquasse, pensò per altra via d’adacquatore provedersi. Aveva il dottore alcune sue possessioni a Seivano, villa del Pa¬ vese, ove teneva di continovo un fattore con massari per lavorar le possessioni. Tra’ lavoratori uno ve n’era giovine di circa ventisett’anni, assai grande di persona e per contadino appa¬ riscente di volto e ben costumato, e sovra ogn’altro gagliardo ed aiutante; il quale ancor che fosse scaltrito e sapesse benis¬ simo il fatto suo, faceva nondimeno il sempliciotto e cosi mezzo il buffone. Egli soleva due volte almeno la settimana da la villa venir a Pavia e secondo la stagione dei tempi portar de le cose de la villa, ova, butiro, formaggio, pollastri, frutta e simil