Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/242


NOVELLA LII 239 del quale è di ragione, come del vero è solo erede del padre. Io ho di modo acconcie le cose che egli potrà leggermente il tutto governare. — A Maometto consenti ciascuno, e cosi lieta¬ mente fu levato del tempio il giovine .ultimo figliuolo del soldan vecchio e creato soldano, con questo perciò che Maometto fosse governatore. Degno veramente è questo Maometto d’eterna me¬ moria, a cui pochi pari si trovarebbero che essendo fatti signori cercassero d'imitarlo. Ma egli come uomo da bene fece molto più stima de la ragione che de l’util proprio.