Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/228


IL BANDELLO

al magnifico e molto vertuoso

messer

sigismondo fanzino da la torre

salute


Mirabili nel vero son tutti quei casi che fuor de l’ordinario corso del nostro modo di vivere a la giornata accadeno, e spesso quando gli leggiamo ci inducono a meraviglia, ancora che talvolta molti uomini, non avendo riguardo a la santitá de l’istoria che deve esser con veritá scritta, come leggono una cosa che abbia del mirabile o che lor paia che non deverebbe esser di quel modo fatta, dicono: — Forse non avvenne cosí, ma chi questo fatto scrisse l'ha voluto a modo suo adornare. — Onde avendo scritto il pietoso e miserabil caso occorso in Mantova questi di, ancora che il dotto e facondissimo messer Mario Equicola e il dotto e gentile messer Giovan Giacomo Calandra de l'avvenuto caso facciano indubitata fede, e che la gentilissima madonna Giovanna Trotta moglie di messer Carlo Ghisi, essendo io a Diporto a desinar con madama illustrissima, a quella puntal- mente il narrasse, ho voluto mandarlo a voi che per commissione de l’illustrissimo e reverendissimo cardinale Sigismondo Gonzaga andaste a parlar con la donna prima che morisse, la quale è la maggior parte di questo caso. Vi piacerá adunque, essendo alcuno che dicesse non esser cosí, con l’autoritá vostra far a la mia scrittura scudo. Il che so la vostra mercé che farete. State sano. M. Bandello, Novelle. IS