Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/207


2 04 PARTE PRIMA feminile, fatto segno di riverenza, che ella non ha mostrato co¬ noscerti per nemico, come tu ora contra lei ti mostri; ma cor¬ tesemente ti rendeva quell’onore che a le giovani onestissime e che di gendl creanza sono non è disdicevole render a chi le saluta e falle onore. Ella non girava il capo altrove, non tor¬ ceva gli occhi a una altra banda, non si mostrava corucciosa e turbata in viso, né atto nessuno meno che leggiadro e lode¬ vole faceva; ma tutta benigna, tutta pacifica e modesta se ne stava. Forse che ella faceva come molte fanno, le quali per mostrarsi d'esser da bene si fanno tenere scostumate, rozze e villane, le quali se sono a le finestre o in porta, come veggiono venir alcun gentiluomo, o si tirano impetuosamente dentro, o vero se sono salutate, o torceno indietro il capo o se ne stanno immote e dritte, come se di pietra, marmo o bronzo fossero formate? Angelica ancor che de l’animo tuo non fosse consa¬ pevole, nondimeno sempre che ti ha veduto, non come avver¬ sario o nemico, piena di schivezza ti ha negato lasciarsi vedere, ma s' è di continovo mostrata piacevole e liberale. Adunque vuol la ragione che tu non la riputi nemica. E se tu l’ami, come in effetto ferventissimamente ami, come ti può dar l’animo che veggendola tu in tanto estremo e periglioso caso come ora ella si trova, tu non le abbia compassione e non ti doglia infinita¬ mente de li suoi dispiaceri? Che dico dolere? anzi mi pare che mai tu non debbia sopportare che un fratello di colei che ami, unicamente amato da lei, sia per non trovar mille fiorini morto, che tanti ne hai nei tuoi coffani che per scemargliene di mille, né più né meno sarai ricco e stimato come eri prima. Certo se mai si risapesse che tu essendo, come sei, di danari e di pos¬ sessioni ricchissimo, facessi più stima di mille fiorini che de la contentezza e piacer di colei che tanto mostri amare, ciascuno ragionevolmente per uomo che di poco cor fossi ti terrebbe e senza forse ti giudicheria villano ed avarissimo. Né ti persua¬ dere che per tua scusa ti valesse allegar le passate ingiurie dei tuoi avi i quali, se con giuste bilancie il caso sarà ponderato, più ne hanno altrui fatte che sofferte. Onde pensando ai tempi passati, sarai generalmente detto aver più tosto natura di fiera