Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/201


98 PARTE PRIMA Antonia Bauzia marchesa di Gonzaga nel cui cospetto a Sabio- neda eravamo, interrompendo con gravità il ragionar che si fa¬ ceva, impose al gentilissimo dottore messer Antonio di Cappo gentiluomo mantovano che di queste cortesie e liberalità al¬ cuna cosa dicesse. Egli alora narrò un’ istoria avvenuta a Siena. Quella, avendola scritta, ho voluto che sotto il valoroso vostro nome sia veduta in testimonio de l'osservanza mia verso voi, ché essendo tra senesi occorsa, mi pare che a voi meritamente si convenga, che senese séte e liberale e cortese, anzi la gloria d’ogni cortesia e liberalità, e non solo séte l’onore de la patria vostra Siena, ma séte l'onor e la gloria di tutta Italia. State sano. NOVELLA XLIX Anselmo Salimbene magnificamente operando libera il suo nemico da la morte e la sorella di quello prende per moglie. Se io, madama eccellentissima e voi onestissime donne e cortesi cavalieri, fossi tale quale forse da voi stimato sono, e coll’effetto corrispondessi a l’openione che di me appo voi è, veramente io mi riputarci molto aventuroso che tra cotanti ono¬ rati, vertuosi ed eloquenti uomini quanti in questa nobilissima compagnia seder si veggiono, io fussi stato eletto a dover di cosi nobil materia come è la cortesia e la magnificenza dinanzi a voi ragionare. Ma conoscendo quali le forze mie siano, du¬ bito assai che se io sottopongo gli umeri a cosi grave peso come m’imponete, io non resti a mezzo il camino e con mia ver¬ gogna e vostro poco diletto io sia sforzato a gettar a terra tanto grave salma. Ma poi che cosi v’aggrada e appo di voi le mie scuse non hanno luogo, che debbo io altro fare se non ubidire? Cominciando adunque a dar principio a ciò che imposto m’avete, vi dico che per ora non voglio che entriamo ne le scole dei filosofanti, i quali volendo parlar di cose magnifiche parlareb- bero di quei palagi sontuosamente edificati, degli ampi e vene¬ rabili tempii, degli anfiteatri, de l’altissime moli fondate in mare, dei monti perforati per agevolar i camini, de le vie del selce e de l’altre pietre pavimentate e di simil altre opere che in