Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/172


NOVELLA XLV faccende de l’Italia e massimamente de la Lombardia, gli pose in mano tutti gli affari che a le cose d’Italia appartengono. Del che si bene a messer Filippo ne avvenne che egli, oltra che la sua vertù e prudenza dimostrò, ne acquistò di molte ricchezze, e di continovo più divenne servidore de la sua reina, quella come cosa santa adorando. Che diremo noi, donne mie belle e vertuose, del valore e magnificenza di questa splendidissima reina? Veramente per mio giudicio, quale egli si sia, ella me¬ rita tutte quelle lodi che a donna eccellentissima dar si pos¬ sano, perciò che ella magnificamente operando ha il suo fede¬ lissimo servidore rimeritato. Ed in vero come il sole è di tutto il cielo e di quanto sotto quello si contiene bellezza ed orna¬ mento, cosi la magnificenza in ciascheduna persona è veramente la chiarezza e lo splendidissimo lume d’ogni altra vertù che in quella risplenda, e massimamente in quei personaggi che di maggior grado sono. Ma facendo fine attenderò che voi a que¬ sta cortesissima reina diate quelle lodi che le convengono e che ciascuno dica circa questo il parer suo, perciò che a me pare che tanto dire non se ne possa che molto più non ne resti a dire. Ed io invero parole non trovo che la sua grandezza in parte, non che in tutto, sappiano agguagliare.