Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/153


PARTE PRIMA che in quella celebrar si costumano. E cosi quasi ogni di in- siememente con le lor damigelle ed altri signori e gentiluomini de la corte le reine v’andavano. Medesimamente era stato fabri- cato dentro la chiesa un alquanto elevato e magnificamente ap¬ parato tribunale, ove di brigata agiatamente tutte capevano. Ora avvenne che messer Filippo de’ Nicuoli cremonese, che in quei di per la recuperazione del ducato di Milano fatta da’ francesi s’era di Lombardia partito, si trasferì in Ispruc e s’acconciò per segretario col signor Andrea Borgo, perciò che era giovine assai dottrinato e bellissimo scrittore e uomo intromettente ed avvenevole. Questo, molto frequentando la detta chiesa tutto il di e veggendo la reina Anna sovra tutte l’altre donne che alora tra’ tedeschi fossero bellissima e di leggiadri e signorili co¬ stumi ornata, non accorgendosi, riguardandola, de l’amoroso ve¬ leno che egli con gli occhi beveva, credendosi al suo piacer sodisfare mirandola ed intentamente considerandola, se stesso fuor d’ogni convenevolezza miseramente impacciò, di lei arden¬ tissimamente innamorandosi; perciò che tanto e si fieramente s’accese che prima si senti più in poter d’altrui essere che punto s’accorgesse de la perdita di se stesso e de la propria libertà. E ancor che avesse riguardo a l’altezza ed eccellenza di tanta donna ed al basso grado del legnaggio ove egli era nato e che considerasse la fortuna dove in quel tempo viveva, nondimeno tanto non seppe fare che egli non si trovasse in tutto aperto il petto a le perigliose fiamme d’amore, e quelle in tal maniera dentro vi ricevve che già avevano tanto in alto profondate le radici e quelle di modo abbarbicate che non v’era pur via di poterle quindi più diradicare. Essendo adun¬ que messer Filippo di questa sorte che udita avete da’ lacci d’amore annodato e giudicando ogni opera che facesse per disciogliersi esser gettata via, si dispose con tutto il core e con ogni sollecitudine e diligenza questa cosi alta ed onorata im¬ presa, avvenissene ciò che si volesse, sempre seguitare. Il che con effetto cominciò, imperciò che ogni volta che le reine erano agli offici divini egli medesimamente ci andava, e fatto loro la convenevole riverenza a loro dirimpetto si metteva, e quivi