Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/148


NOVELLA XLIV 145 scioperati, tutta Ferrara era a vederlo giocare. Arrivò con i suoi sergenti il capitano in piazza e per ¡scontro a l’orologio vitu¬ perosamente al conte Ugo diede de le mani a dosso, e con uni¬ versal dolor di qualunque persona a cosi fiero spettacolo fu pre¬ sente, quello legato condusse in prigione. Il castellano mede¬ simamente impregionò la marchesana. Quella stessa sera il fiero padre mandò dui frati di quelli degli Angeli al conte Ugo, di¬ cendoli che al morire si preparasse. Egli intesa la cagione di tanto inopinato annunzio e del suo infortunio, amaramente il suo peccato pianse e a sofferir la meritata morte con grandissima contrizione si dispose, e tutta la notte in sand ragionamenti e detestazione del suo fallo consumò. Mandò anco a chieder per¬ dono al padre de l’ingiuria contro quello fatta. La marchesana, poi che si vide imprigionata e seppe il conte Ugo esser cattivo, supplicò assai di poter parlar al marito, ma ottener la grazia non puoté già mai. Mandògli adunque dicendo come ella sola era consapevole e quella che il conte Ugo aveva ingannato, onde degno era che ella sola de la commessa sceleraggine fosse punita. Intendendo poi che a tutti dui si deveva mozzar il capo, entrò in tanta furia che mai non fu possibil d’acquetarla, chia¬ rissimamente dimostrando che nulla o poco de la sua morte le incresceva, ma che di quella del conte Ugo non poteva aver pazienza. Ella altro giorno e notte mai non faceva che chiamar il suo signor Ugo, di modo che per tre continovi giorni che in prigione dimorò, sempre nomando il conte Ugo se ne stette. Aveva anco il marchese mandato dui frati a confortar la mar¬ chesana e disporla a sofferir pazientemente il supplicio de la morte; ma eglino indarno s’affaticarono. Da l’altra parte il con¬ trito giovine perseverò tre continovi giorni in compagnia dei dui frati, sempre di bene in meglio disponendosi a la vicina morte e ragionando di cose sante. Passato il terzo giorno, la matina a buon’ora un di quei frati gli disse la messa; ed in fine il giovine con grandissime lagrime chiedendo a Dio e al mondo perdono dei suoi peccati, prese divotamente il sacratissimo corpo del nostro Salvatore. La sera poi, quasi ne l’imbrunir de la notte, in quella medesima torre per comandamento del padre gli fu M. Bandello, Novelle. 10