Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/138


NOVELLA XLIII 135 il primo ch’entrò in camera, e vide di che modo il giovine s’era impiccato, e i tre scritti guardò e di sua mano prese quello che da la scarpa pendeva fuori. Fece poi distaccar il corpo e prese gli altri dui bollettini. Erano quivi al romore di cosi strano acci¬ dente concorsi molti cittadini e parenti del morto. La dolente madre come arrivò e vide il figliuolo in terra, su quello si gettò e da estrema doglia assalita tramortì. Il pianto si levò grande tra i parenti ed amici del giovine. La Calora miseramente si af¬ fliggeva battendosi il petto ed altamente piangendo. Furono gli scritti letti dal governatore e mostrati ai parenti del morto, i quali tutti affermavano quelli senza dubio esser di mano del po¬ vero giovine. Il servidore d’esso Totto, chiamato dal governatore se sapeva come il fatto fosse stato, .narrò la cosa come era seguita, perciò che egli s’era trovato presente a le parole del padrone e de la donna. Essendo poi anco la Calora appartatamente essami- nata disse precisamente il fatto com'era, onde fu giudicato che il povero giovine s’era molto scioccamente lasciato dominare da l'umor malinconico. La sconsolata e dolente madre con amaris¬ sime e calde lagrime la cosi vituperosa perdita del figliuolo lungo tempo pianse. Il che fecero altresì i suoi parenti ed amici. La Calora più e più giorni stette in quella camera ove il caso era occorso, e senza fine pianse la morte del suo servidore, se stessa assai riprendendo che cosi rigidamente gli avesse dato risposta conoscendolo tanto sospettoso e malinconico. Poi deposte tutte le fogge e le pompe, si ridusse ad un abito molto dimesso e quasi da vedova. E quanto era dinanzi quella che di continovo in giuoco, in feste, in balli e in trastulli se ne stava, tanto più ora se ne guarda ed ha lasciato il giocare e vive quasi una vita solitaria, poche volte per la città comparendo; e quando se ne va a messa si copre tutta la faccia, né più lascia veder quelle bellezze che al misero suo amante sono di cosi abominevol morte state cagione. Il che ha dato assai da mormorare il volgo. So che alcuni altramente questa istoria narrano, ma io che era alora in Modena e il fatto volli con somma diligenza intendere e a lungo ne parlai col Guicciardini, che sapete quanto era ri¬ gido e ne le cose de la giustizia diligentissimo inquisitore, trovai