Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/123


120 PARTE PRIMA a cosa che detta le fosse, ma di continovo sospirando e lamen¬ tandosi, acerbissimamente la sua disgrazia piangeva. E cosi quasi tre giorni questa vita senza mangiare e senza bere e senza dor¬ mir facendo, a poco a poco si consumava. Astretta ultimamente da naturai necessità prese un poco di cibo ed alquanto dormendo si riposò; e veggendo che il pianto nulla le giovava cominciò sovra i casi suoi a pensare, e non si potendo disporre a tole¬ rar l’ingiuria che il cavaliero l’aveva fatta, deliberò se possibil era di fare che altri anco la ragionevol pena ne portasse, e pren¬ derne tal vendetta quale a si biasimevol sceleraggine si con¬ veniva, a ciò che per l’avvenire gli uomini non fossero cosi facili ad ingannar le povere donne. E a nessuno il suo fiero pro¬ ponimento manifestando, aspettava qualche oportuna occasione, dandole l’animo che il cavaliero le caderebbe a le mani. Deli¬ berata adunque di farne altissima vendetta, andava tra sé ima¬ ginando il modo che tener deveva, e in questo mezzo, lasciato il pianto, attendeva a viver più allegramente che poteva. Era in casa una schiava, femina grande e molto gagliarda di circa trenta anni, la quale voleva tutto il suo bene a Violante, avendola da fanciulla allevata e nodrita. Ella non si poteva dar pace che di questa maniera la giovanetta restasse schernita e seco assai pie¬ tosamente lagrimato ne aveva. A questa propose Violante mani¬ festare il concetto de l’animo suo, conoscendo che ella sola non bastava a far quanto ¡maginata s’era di mandar ad essecuzione, e tanto più quanto che costei le pareva più a proposito che altra che ci fosse. E cosi il tutto le scoperse, la quale non solamente accettò d’esserle compagna, ma sommamente il suo fiero proponi¬ mento le commendò. Determinato tra lor due quanto intendevano di fare, altro non aspettavano che la comodità, la quale si dice esser madre de le cose. Non erano ancor quindici di passati dopo che il cavaliero aveva la seconda moglie sposata, che egli andando a diporto a cavallo per la città passò dinanzi la casa di Violante, la quale si ritrovò a la finestra come quella che per fermo teneva che egli sarebbe gran cosa che il cavaliero non passasse per la contrada. Come ella il vide, tutta nel viso arrossi aspettando ciò che egli devesse dire. Il cavaliero anco egli, come s’accorse che