Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/121


n8 PARTE PRIMA non era molto tempo aveva preso per moglie la figliuola d’un suo vassallo catalano. E cosi varie cose tra sé rivolgendo e non sapendo da l’amor di costei levarsi, anzi parendogli che l’amor suo verso lei si facesse di punto in punto maggiore, la deliberazione che ne l'animo suo fatto aveva, cosi le manifestò dicendole: — Signora Violante, a ciò che possiate conoscer l’amor ch’io vi porto esser vero e quanto vi ho detto esser dal core pro¬ ceduto, quando voi vogliate perpetuamente esser mia, io men¬ tre che viverò sempre sarò vostro prendendovi per mia legi¬ tima sposa. — Udendo questo la madre e la figliuola divennero molto allegre e ringraziarono Dio di tanto buona ventura, com¬ mendando senza fine questa sua umanità. E Violante molto mode¬ stamente gli disse: —Signor Didaco, onestando voi I’amor vostro come onestate, ancor ch’io mi conosca indegna di tal cavaliero qual voi séte, essendo voi di legnaggio antico e in questo paese nobilissimo ed io di poveri e bassi parenti discesa, io vi sarò sempre leal consorte e fedelissima serva. — E cosi restarono in questa conchiusione: che egli ad ogni piacer suo sposaria a la presenza de la madre e dei fratelli, quando volesse, Violante. Piacendo al cavaliero la partita, egli quindi partendosi con un basciar di mano a la giovane a casa se ne ritornò. La madre come i figliuoli furono a casa narrò loro tutto quello che con il cavaliero s’era ordinato, di che i dui giovini fecero me¬ ravigliosa festa parendogli una bella cosa cosi onoratamente aver la sorella maritata e non convenire darle dote. Non stette il signor Didaco dui giorni che egli rivenne, e a la presenza de la madre, dei dui fratelli e d’un suo servidore che seco aveva condotto, del quale molto si fidava, sposò solennemente per pa¬ role di presente la sua tanto desiata Violante, pregando perciò ciascun di loro che per alcuni convenevoli rispetti questo spo¬ salizio fin che egli lo publicasse tenessero segreto. Sposata che egli l’ebbe, la notte seguente seco se n’andò a giacere e con grandissimo piacer suo e soddisfazione di Violante consumò il santo matrimonio. E cosi perseverando in amarla stette più d’un anno che quasi ogni notte seco andava a dormire. Egli l’aveva in questo tempo messa riccamente in ordine di vestimenta e