Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/108


NOVELLA XLI '05 ora guerra, ora bene ora male ne apporta, ora lieti ed ora di inala voglia ne fa essere, ed ora ne leva in alto ed ora al pro¬ fondo de l’abisso ne fa tornare. Ti sia Siface un vivo e chiaro essempio dinanzi agli occhi che fermezza sotto al globo de la luna non si può avere. Egli era il più potente e ricco re che in Affrica regnasse, ed ora è il più misero ed infelice che si truovi in terra. Né per questo voglio io esserti presaga né indovina d’alcun futuro male, anzi santamente tutti i dèi prego che te e tutti i descendenti tuoi nel regno de la Numidia felicemente regnar la¬ scino. Degnati adunque liberarmi da la servitù dei romani, e se altrimenti non puoi se non con la mia morte, io ti dico che quella mi sarà gratissima. — Dicendo queste parole prese la destra mano del re e quella più volte dolcemente basciò, e già i preghi cominciavano in lusinghevoli e lascive carezze a voltarsi, di modo che non solamente l’animo de l'armato e vincitor giovine a mi¬ sericordia e pietà mosse, ma stranamente ne l'amorose reti lo avviluppò. II perché il vincitor da la vinta, il signore da la sua serva fu vinto e preso. Indi con tremante voce cosi le rispose: — Pon fine, o Sofonisba, al largo pianto e caccia da te la téma che hai, ché non solamente a le mani del popolo romano non verrai, ma se a te piace io per legitima moglie ti prendo ed accetto, in modo che non prigionera ma reina viverai. — E dette queste pa¬ role, lei lagrimante abbracciò e basciò. Ella al volto, ai cenni, ai gesti e a le interrotte parole de l’amante nuovo comprendendo l'animo del numida esser di.ferventissimo amore acceso, per più infiammarlo con un atto di pietade che i ferini cori de le ircane tigri averebbe intenerito e d’ogni fierezza spogliato, di nuovo se gli lasciò cader a' piedi, e quelli cosi armati basciando e con caldissime lagrime irrigando, dopo molti singhiozzi ed infiniti so¬ spiri, essendo da lui sollevata, disse: — O gloria ed onore di quanti regi mai furono, sono e saranno, e di Cartagine mia infelice pa¬ tria mentre ella ne fu meritevole sicurissima aita e ora presente e terribilissimo spavento, se la mia fortuna dopo si gran rovina può rilevarsi, qual maggior grazia, qual cosa in tutta la vita mia più lieta e fortunata mi può accadere che esser da te chiamata tua moglie? O me più d’ogn' altra felice di tanto e si famoso