Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/93


87 — mezzo alla stanza, traendo seco un visibilio di boc- cettine, di vasetti e di spazzole. A quel fracasso il cane abbaia più forte che mai, il gatto se la batte precipitosamente dalla finestra, ed io stavo per imitarlo, allorché sull’uscio della stanza, e armata d’un rispettabile granatino, apparve la fa¬ mosa donna vestita di nero, quella stessa che la sera avanti mi aveva accolto in modo così scortese. Ebbi la somma ventura di sfuggire a tempo a’suoi sguardi penetranti; non così il cane, che, poverino, ebbe a scontare, per mezzo di alcune granatale am¬ ministrategli dalla troppo zelante cameriera, le colpe del gatto e le sue. Due ore dopo questa tragedia, e allorché il sole era più che a metà del suo corso, io m’aggiravo pensoso nel giardino. Le bellezze che la mattina mi avevano colpito, mi parevano ora fredde e sbiadite; e più de’sedili di marmo e de’ fiori capricciosamente colorati, mi sarebbe piaciuto rivedere l’umile casuccia della Ma¬ rietta, il podere e i grossi alberi frondosi tremolanti al venticello della sera. Il signorino studiava sul pianoforte, è la signora Clotilde lo accompagnava con certi trilli e gorgheggi così limpidi e sonori, che avrebbero fatto onore a un canarino; in lontananza le campane di Santa Croce sonavano a distesa, e la via che fiancheggiava il giar¬ dino era continuamente percorsa da carrozze e ca¬ valli; tutto ciò formava un insieme assai piacevole, ma il povero pulcino, a cui il primo saggio della vita signorile era stato più che sufficiente a guarirlo della sua- sciocca vanità, avrebbe preferito a tutto quel frastuono le cantilene melanconiche della To-