Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/89


derare, intraprende una caccia di nuovo genere; si sospende ai rami con le zampine all’insù, e acchiappa tutti gl’insetti che hanno la disgrazia di passare in qxiel momento sotto le foglie. È di carattere benissimo e vuol tanto bene a’ suoi bambini; non è ghiotta^ mangia di tutto e si affe¬ ziona a’ suoi simili ; peccato che fra tutte queste buone qualità ce ne sia una brutta, oh ma brutta davvero! ve la voglio dire: Quando la cincia s’imbatte in un povero uccellino ammalato, invece di soccorrerlo, sapete che cosa fa? Lo ammazza e gli mangia subito il cervello. — Oh la cattiva! — esclamarono insieme i aue fanciulli. — Sapete, continuò la signora Clotilde, chi è dav¬ vero un bravo uccelletto? La lodola. Di forma so¬ miglia un po’ alla cincia, ma ne differisce grande¬ mente pe’ costumi. La cincia è il simbolo della guerra, la lodoletta quello della pace: costruisce il sito nido in un solco, fra due zolle di terra, e sa nasconderlo con molta maestria alle insidie de’ suoi nemici. Eende molti servigi a’ contadini per lo sterminio che fa ogni giorno di bachi; appena spunta l’alba comincia a mandar nell’aria le sue allegre note, chiamando per tal modo il coltivatore a’ campi. — O i Cardellini, mamma, che uccelli sono? — interruppe Alberto, additando un di quelli anima¬ letti con la mascherina rossa e il dorso scuro. — I cardellini sono uccellini graziosi e tutti pace; , prendono il nome dalla predilezione che hanno pe’ semi del cardo. Hanno una bella voce e son docilissimi. - ' Carini! ne ho veduti di quelli che ammaestrati dai