Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/81


75 — aperta; chi dovrebb’ esser quel cattivo che si fosse preso il divertimento di mettere in chiusa un centinaio di que’ poveri animalini! Ohè se questo chiasso lo fanno proprio loro, meno di cento non possono esser di certo. Non ni’ero ingannato. Quando fummo a due passi dal chiosco, il quale non era altro che una grande uccelliera, il signorino mi prese sulle braccia perchè vedessi meglio, e vidi. Oh bambini miei ! Figuratevi una moltitudine di uccelletti di tutti i colori, di tutte le specie, di tutti i paesi. V’ era il canarino dalle penne gialle e dal becco co¬ lor di rosa; il fringuello marino, così grazioso col suo —