Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/40


— 34 —


Ero lì lì per accingermi di bel nuovo alla famosa ascensione, allorché un rumore insolito mi colpisce; era come uno stormir di foglie; mi fermai subito e mi messi in ascolto, ognuno pensi con che intrepidezza.

Non sentii più nulla.

— Eh di certo avrò sbagliato, — dissi allora. Sono tanto pauroso! — Ricominciamo i nostri voli. —

Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918 (page 40 crop).jpg

E già mi slanciavo, già mi pareva di posar tranquillo sulla tanto sospirata cannuccia, quando.... Tremo ancora a rammentarlo! un bel gattone soriano sbucò improvvisamente da un ammasso di paglia, e si avviò alla mia vòlta.

Mi vide? Non lo so, non voglio saperlo! So unicamente che mi vennero i bordoni alla pelle e

Gambe mie, non è vergogna
Di scappar quando bisogna!