Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/36


— 30 —

si perdono tutte le ragioni e non si acquista nulla, altro che dei dispiaceri....

— Ma io non ne provai, no, dei dispiaceri! Anzi quando mi ricattavo ero tutto contento!

— Segno che sei proprio cattivo e indurito nel vizio; va’, va’, io non ti voglio più bene, e mi pento d’essermi accompagnato con te. Voglio tornar subito dalla mamma. —

Con tutte queste ciarle s’era fatto tardi, e l’ora in cui solevo andare a letto era trascorsa da un pezzo; pensai alla povera madre mia; chi sa come stava in pensiero!

— Andiamo a casa, — dissi subito al galletto — non vedi che è buio? Ma dove siamo? Nel nostro podere no dicerto.... io non mi ritrovo....

— Lo credo! L’abbiamo passato da un pezzo il tuo podere, caro il mio predicatore!

- Dunque spicciamoci, — dissi tutto affannato — chi sa come ci aspettano.... Ohe cosa abbiamo fatto, Dio buono!

— La sai la strada per tornare a casa? — mi domandò a un tratto il galletto, dopo un minuto di silenzio che mi parve un secolo.

— No, che vuoi? Non sono mai uscito dal campo di Giampaolo; tu però la sai; oh andiamo, andiamo! —

Invece di affrettarsi, il mio sciagurato compagno si fermò, e con una certa voce beffarda che non dimenticherò mai, mi disse:

— Facevo male o bene a vendicarmi della Teresina?

— Facevi male, — risposi con franchezza.