Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/250


tura con — 244 — tutta la persona fuori della carrozza: tal’altra agitando le ali alla vista d’un caseggiato rusti¬ co, d’una chioccia circondata dai suoi pulcini. « Pochi minuti di strada ci separavano an¬ cora dalla nostra villetta, quando udimmo un coro di voci festose e la nostra vettura fu let¬ teralmente circondata da un nuvolo di amici: Alberto e suo padre, la signora Clotilde, Giam¬ paolo, Geppone, la Tonia e la Marietta, una bellissima ragazza di diciotto o vent’ anni, che porse a mia madre un grosso mazzo di fiori. Era già prevenuta del ritorno di Cocò: quindi se lo prese fra le braccia senza mostrare gran —