Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/224


218 — All! si è un bell’esser polli, ma i genitori sono sempre genitori. miei figliuoli! E a due passi intorno alla tavola scintil¬ lante tutti ridevano come matti! La signorina E-nricHetta, Verso gli ultimi di settembre la pioggia cominciò così ostinata e dirotta, che il giar¬ dino divenne un vero pantano; tanto che i padroni giudicarono di accomodarmi insieme con la mia famiglia in una stanzetta abba¬ r Fumino scossi dal nostro doloroso torpore da un ru¬ more sordo e quasi rabbioso molto vici¬ no a noi. Era Medoro che rodeva le ossa dei XI. — 21