Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/212


che senza il calore della mamma vera. Le uova si mettono in cassette speciali, in cui si mantiene artificialmente con un serbatoio pieno di acqua calda, quel calore che in na¬ tura dà alle uova il corpo della mamma gal¬ lina. — O come le accomodano le povere uova ! — Le dispongono sopra uno strato di cru¬ sca, perchè il calore venga mantenuto sem¬ pre eguale; al ventesimo giorno i pulcini co¬ minciano a beccare il guscio e a cacciar fuori la loro testolina dagli occhietti vivaci, per ve¬ dere come sia bello il mondo. — Ma non è un’infamia, quella di togliere i pulcini alle madri ? — domandò Masino, mentre mia moglie guardando il padroncino con infinita compiacenza esclamava : « Caro ! Caro ! » — Non ,tutte le galline sono buone ma¬ dri ; — rispose il professore — ve ne sono di quelle che dimenticano i pulcini per istrada, non badando al loro pigolìo disperato ; altre portano la loro famiglia per i prati ancor ba¬ gnati di rugiada e i pulcini ritornano a stent