Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/210


204 — certamente per un pezzo la vicinanza dei no¬ stri figli. Ma aneli’essi dovranno seguire il loro destino. — E qual sarà ì — Oli, secondo ! Possono esser venduti, re¬ galati, possono rimaner nel pollaio o servire, non te lo nascondo, per gli usi della cucina ! Siam nati per morire, mia buona Giorgina, e tanto vale morir di calcinaccio o in umido coi piselli ! — Mia moglie nascose il capo nell’ala e sin¬ ghiozzò disperatamente. Io rispettai quell’immenso dolore e tacqui. IX. I pulcini orfani. Tanto io che mia moglie siamo tutti rime¬ scolati da una conversazione che il nostro gio¬ vane padrone, il signor Masino, ebbe ieri sera col suo professore. Pare che questo signore ab¬ bia pranzato in casa, poiché venne a prendere il caffè qui nel giardino. — 20