Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/187


— 181 — ci rinvoltò dentro Gigino, e si avviò verso casa. — Curiosa! — esclamò Masino. — Quest’al- tro passerotto ti è volato sulla spalla. Che sia un conoscente di Gigino? — La signora Carolina, con la mano che le restava libera prese il passerotto, e guardatogli attentamente la gola grigio-chiara, disse: — È una femmina: dicerto dev’esser la mamma di Gigino, corsa in soccorso del fi¬ gliuolo. — Un vivacissimo « pio! » fu la risposta della madre; e la signora Carolina, sempre più con¬ vinta, mise i due uccelli nella stessa gabbia, affrettando in tal guisa la guarigione del po¬ vero piccino, così barbaramente aggredito. VI. Qviel che succede spesso. Questo è proprio un caso da raccontarsi e che dovrebbe, mi pare, dare argomento di molte riflessioni ai ragazzi che leggessero que- 13 — Baccini, Memorie d’un Pulcino, ecc. — 18