Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/176


Sicuro, non è bellina come noi, ma non c’è ragione di fuggirla. Non dà noia! — Ohe occhi spaventosi! — Io le conosco bene, queste bestie. Da più di tre anni che sono al mondo ho avuto campo di vedere molte cose. Non nascono mica da un uovo come noi! — Ah, ah, no ! E in qual modo ? — Senti, veh : una volta io avevo l’abitu¬ dine di andare a beccare sull’orlo di un riga¬ gnolo : e mi détte nell’ occhio un formicolìo di bestioline nere, somiglianti a piccoli pesci, che stavano ferme ferme, come se qualcuno —