Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/171


le cose come sono e non come le vorrei ! — Ah!... — Rimasi colpito da quella profonda osser¬ vazione. — E che ha inteso dire con gli sgomberi e i lamenti dei grilli ? — Oh! È chiaro. Molte famiglie si mettono in salvo. Altre, e son quelle dove abbondano malati e bambini, rimangono a piangere. Vuole scendere ? — Non me lo feci ripeter due volte, e in men che si dice fui sul Piazzale grande delle Ca¬ scine. I La musica seguitava, sempre dolce e vi¬ brante; e il sole scendeva sempre più in fondo all’orizzonte, in una gloria di raggi e di nuvo¬ li ne rosee. li! — Baccini, Memorie d’un Pulcino, ecc. — 166 —