Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/161


tami a mettere insieme un boccon da man¬ giare. Là ci sono alcune formieoi one e tre o quattro semi. Ne faremo un eccellente fri- candò.... Il babbo tornò verso il tocco, e desinammo di buonissimo appetito. Io mi sforzavo d’es¬ sere allegro, di uscir fuori con qualche bar¬ zelletta, ma tanto il babbo che la mamma erano preoccupati. — E così, che cosa avete deliberato ! — do¬ mandò quest’ultima. — In qual modo vi op¬ porrete alla caccia? — Benedette uccelline ! Fate delle domande proprio.... primitive. Noi non possiamo opporci alla caccia, ma tentare ogni mezzo per sfug¬ gire alle fucilate. Primo fra questi, è quello di avvezzarci a volare sempre più in alto, in modo da sfuggire allo sguardo umano. La no¬ stra società intende perciò di aprire alcune scuole di volo. — Ma inalzandovi molto per aria vi sco