Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/153


147 — scine, la bella passeggiata fiorentina che si stende per più di tre chilometri 1 tingo la riva dell’ Arno. Questo passerotto, naturalmente, divenne proprietà di Masino, che lo rinchiuse in una bella gabbia e lo mise nell’orto, pro¬ prio vicino a me. Povera bestiuola! Non fu punto scontroso e strinse subito amicizia con me. — 148 —