Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/141


135 — — Se lei si decide ad accettare il mio con¬ siglio, — proseguì la vecchietta — domattina presto le mando la pollastra! — E io la riceverò con tutto il piacere ! — esclamò ridendo la signora Carolina. E posan¬ domi in terra, soggiunse: — Dunque, allegro, Cocò. Domani verrà la fidanzata. — Le due signore si allontanarono e io rimasi solo nell’orto, al pallido chiarore delle prime stelle, che cominciavano a tremolare nell’az¬ zurro tenero d’un bel cielo primaverile. Non so perchè, il mio pensiero volò alla mamma e alle nostre belle notti mugellane tutte profumo e mistero. — Dio mio! — pensai — se è vostro desi¬ derio ch’io abbia una compagna, fate che essa rassomigli la virtuosa gallina che m’ha dato la vita e s’è ingegnata di farmi crescere one¬ sto e buono ! — & Quando la Fanny comparve nell’orto sulle braccia di Masino, non potei trattenere un —