Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/139


3 — Non ini si rinchiuse in una stia, non si cercò di stabilire un limite alle mie passeggiate. Ero padrone di tutto l’orto e anche della parte del terreno coltivato a giardino. Certo eh’ io non abusai di quella grande bontà, e la coscienza non mi rimorde di aver mai brucato un cavolo o strapazzata una pianta. Già debbo dire che fin da piccino ho avuto sempre il rispetto delle cose belle create dal buon Dio e non ho mai potuto soffrire i ra¬ gazzi che con la scusa del chiasso o della spen¬ sieratezza sperperano i fiori, i frutti e i nidi. Per me lo sciu¬ pare una rosa, l’ab¬ battere un alberino giovane, il dar noia a una bestiola in¬ nocente sono colpe che vorrei punire a furia di nerbate. Passavo dunque una vita abbastan¬ za contenta, quando una sera, sull’ imbru¬ nire, vidi entrar nel giardino la signora Caro- 10 — Baccini, *Memorie d’un Pulcino, ecc. — 134 —