Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/120


Non siate vani; contentatevi dello stato in cui vi ha posto il Signore, e pensate che è ricco chi si ap¬ paga di ciò che possiede. Siate caritatevoli ; per esser tali non è necessario essere provvisti ampiamente dei beni di fortuna; un centesimo dato con amore, una buona parola o un consiglio affettuoso, valgono spesso le più abbondanti elemosine e possono far lieti chi li riceve. E ora addio, cari fanciulli. Ohi sa se sentirete più parlar di me; ma per non tenervi in pensiero sul mio avvenire, vi dirò che ho la certezza di morir di vec¬ chiaia, e che questa certezza l’ho acquistata ascol¬ tando le seguenti parole di Masino rivolte ad Al¬ berto : — Sì, amico mio, il tuo gallettino non sarà am¬ mazzato mai, e finirà i suoi giorni in pace. — Non mi resta dunque altro che farvi una bella ri¬ verenza, accompagnata da un lungo e rumoroso ch ic¬ chirichì.