Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/670


436. Fufflnus Kuhli (Boie) Beeta maggiore. Gros Marteii (Nizza) — Bertacco (Arenzano) — Margùn (Spezia) — Berta {Lucca) — Fallante (/. di Giglio) — Vae- tra (Mess.) — Aipa pizzu-tuortu (Modica). Piemonte : Un esemplare di questa specie fu ucciso lungo il fiume Tanaro in prossimità di Ce va, Cuneo, nel- l'inverno 1872 (Aire). Liguria: Stazionaria nel Nizzardo, ma in mare al lar- go ; è più facile vederne nell'estate e nell'autunno (Gal). Co- mune sul mare nel circondario di Savona; spesso si getta sugli ami dei pescatori e n' ebbi diverse prese in tal modo (Piccone). Comune nell'estate, ma si vede anche d'inverno n^el distretto di Arenzano, ove è forse sedentaria (Luciani). Comune e stazionaria nel distretto di Spezia (Gavazzi). Toscana : Comune di passo in maggio nel distretto di Massarosa, Lucca (Gragnani); mi fu detto che si vedono an- che lungo il Serchio (Fontebuoni). Sedentaria nella prov. di Grosseto, ma ben di rado si scosta dal mare (Ademollo). Se- dentaria all'isola di Giglio (Bianchi). Marche: Scarsa (Paolucci). Campania : Scarsa nella prov. di Napoli (FrancescJiini, Monticelli). Puglie : Non rara; forse si avvicina più spesso alla co- sta della specie precedente (De Romita). Sicilia : Rarissima nella prov. di Messina (Buggeri). Non rara nello stretto di Messina, ma molto meno abbon- dante della specie precedente (Angelini). Frequente e seden^ tarla nel distretto di Modica, Siracusa (Dellafonte^ Garo- falo). Frequente al litorale in quello delle Madonie, Palermo (Paluìnio, Mùrici). Sardegna: Sedentaria e nidificante sulle isolette, vagante per le coste; nell'estate si avvicina ai porti ed i pescatori ne prendono all'amo (Bono