Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/658


— Sesto, Firenze {Fontehuoni). Accidentale nel febbraio 1888 nel Casentino, Arezzo (5eni). Comune nell'inverno, prima- vera ed autunno in Val di Chiana {Griffoli). Comune, se- dentario, ma specialmente invernale, nella Maremma {Dei^ Ademoìlo). Comune nell' inverno in Toscana (Roster). Marche : Scarso d' inverno (Paolucci). Campania : Di comparsa accidentale nella prov. di Na- poli (Franceschi ni, Monticelli). Puglie: Frequente in autunno e molto più nell'inverno ed in primavera; ne ebbi uno il 21 luglio 1886 (De Romita). Calabrie : Comune e sedentario sul litorale della prov. di Catanzaro {De Fiore). Invernale in quella di Reggio [Moschella). Sicilia: Comune in marzo ed ottobre nella prov. di Messina (Ruggeri) ; sedentario (Pistone). Frequente da ago- sto ad aprile nel distretto di Modica, Siracusa (Della/onte, Garofalo). Comune al litorale in quello delle Madonie, Pa- lermo {Palumho, Morici). Sardegna: Invernale, ma anche nidificante in abbon- danza (Bonomi). 4S3. G-elastes Genei ^De Breme) Gabbiano koseo. Cau arrosa (Sardegna). Liguria : Accidentale durante l' estate nel Nizzardo (Gal). Sicilia: Raro, ma forse sedentario nella prov. di Mes- sina (Pistone). Sardegna: Non comune, nidificante e vagante; presso Cagliari 1' ebbi più comunemente in primavera avanzata in perfetto abito di nozze; di rado ebbi i giovani (Bonomi). — 643 —