Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/65


bito a ghermire il materiale occorrente ai nidi. In detta epoca qualche esemplare fu osservato anche in alcuni dei ^dllaggi lombardi limitrofi. Avendo fatto una corsa a Vil- laf'ranca potei con molta facilità impossessarmi di esem- plari adulti e giovani viventi; conservo tuttora (novem- bre 1886) una femmina viva che ha quasi assunto 1' abito del maschio. Nidificarono nelle fessure dei muri, tra le griglie, nell' interno delle camere, sotto le tegole e nei fori degli alberi; costruiscono un nido concavo con erbe e radici e poche penne nel centro, non distinguibile da quello dello Storno comune. Depongono da 4 a 6 uova di un bellissimo azzurro, similissime a quelle dello Storno; sono covate tanto dal maschio che dalla femmina, i quali si dividono la cura di nutrire i pulcini, il che fanno esclusivamente con insetti {Turati). Veneto: Avventizio nel Friuli, ebbi un giovane colto presso Udine il 21 settembre 1884 {Vallon)] assai raro {Del Torre). Di comparsa casuale, ne conservo tre presi nella prov. di Padova {Arrìgoni). Di rarissima comparsa in maggio nella prov. di Rovigo {Dal Fmme). Emilia: Nelle prov. di Ravenna e di Bologna capita assai di raro, nel luglio 1885 diversi furono uccisi o presi vivi presso Faenza, mentre davano 1' assalto alle more dei gelsi, di cui sono molto ghiotti {Bacchi della Lega). Nel maggio e giugno 1886, diversi esemplari di questa specie furono presi nel Modenese; ed in ultimo un giovane ai primi dell' ottobre 1887 {PlcagUa). Accidentale nella prov. di Parma; ne ebbi uno il 12 gennaio 1884 {Del Prato). Liguria: Quasi ogni anno se ne vedono in maggio e giugno nel Nizzardo {Gal). Nel circondario di Savona, Ge- nova, il passaggio di questa specie è nullo il più degli anni, copioso in altri. Nel giugno 1869 se ne videro alcuni; nel giugno 1870 giunsero in gran numero nelle pianure di Albissola e di Vado, confidenti sul principio se ne uccide- vano parecchi con una sola fucilata sugli alberi di ciliegio, ove si adunavano con grande schiamazzo e gran distruzione di quei frutti. T maschi erano in amore ed ho visto una — 50 —