Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/591


— 575 — Veneto : Scarso di passaggio in aprile e maggio nel di- stretto di Feltre, Belluno, ove non nidifica (Delaito). Fre- quente nel Friuli alle due epoche del passo, cioè in maggio e settembre (Vallon). Comune nella prov. di Padova (Ar- rigoni). Emilia: Non raro nella prov. di Parma {Bel Prato). Liguria : Specialmente di passo primaverile nel Niz- zardo (Gal). Comune nel distretto di Savona, ove alcuni nidificano sul greto dei torrenti; passa da marzo a tutto maggio e ripassa in settembre ed ottobre (Piccone). Di doppio passo nel distretto di Spezia, ma più scarso della specie precedente (Carazzi). Toscana : Comune nell' aprile e maggio nella prov. di Lucca (Martorelli, Fontehuoni, Gragnani). Non comune nel di- stretto di Sesto, Firenze (Fontebuoni); lo ebbi nel marzo (Gi- glioli). Abbastanza comune; ne lio veduto dei grossi branchi in primavera in Val di Chiana; è più scarso nell'autunno (GriffoU). Piuttosto raro in maggio nel Senese (Dei)\ seden- tario, nidificante e di abbondante passo in maggio in Ma- remma (AdemoUo). Di doppio passo in Toscana, più fre- quente in primavera che nell' autunno (Poster). Marche : Raro (Comizio agrario Fabriano). Puglie: Frequente di passo alla fine d'aprile ed in maggio; meno frequente, ma non scarso, in settembre ed ottobre (De Romita). Sicilia : Comune di passo in marzo-aprile ed ottobre- novembre nella prov. di Messina (Buggeri^ Pistone). Di passo primaverile nel distretto di Terranova, Caltanissetta (Car- vana). Sardegna : Comune, nidificante e di passo autunnale {Bonomi). —