Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/576


). — 560 — Liguria: Giunge irregolarmente in primavera ed in au- tunno nel Nizzardo {Gal). Rara nel distretto di Spezia, ove il prof. Magni-Griffi l'ebbe due volte, in ottobre e novem- bre (Carazzi)- Toscana : So di quattro individui presi nella prov. di Lucca {Martorelli) ; nel distretto di Massarosa è di scarso passaggio nel maggio (Gragnani). In due occasioni, sempre in ottobre, vidi questa specie nel distretto di Lari, Pisa {Pa- imsogli). Accidentale nel distretto, di Fucecchio, Firenze {Tur- chetti). Di accidentale comparsa in Val di Chiana (Griffoli). Accidentale d'inverno nelle prov. di Siena e di Arezzo {Dei, Ademollo); una venne uccisa nói Senese il 20 dicembre 1878 (Dei). Il signor G. Damiani mi dà la notizia della cattura di due individui di questa specie nell'isola d'Elba; furono entrambi uccisi dal suo fratello, uno nel marzo 1887, l'al- tro nell'aprile 1888 {Giglioli). Marche : Rara, avuta nei pressi di Ancona {Paoliicci). Campania: Accidentale nella prov. di Napoli {France- schini, Monticelli). Puglie : Non rara nei piani di Capitanata, ove nidifica; e anco sulle colline pugliesi {De Romita). Calabrie : Scarsa ed invernale nella « piana » di Palme prov. di Reggio {Moretti). Sicilia : Non tanto scarsa nella prov, di Messina {Pi- stone). Sedentaria, ma abbondante soltanto in marzo-aprile, quando s' incontra a branchetti ; nelle altre stagioni vedesi a' coppie nel distretto di Terranova, Caltanissetta {Carvana). Dicesi non rara intorno al lago di Pitarra nel distretto delle Madonie, Palermo {Paliimbo, Movici). Sardegna: Giunge in autunno e parte in primavera; po- che coppie sono sedentarie e nidificanti {Bonomi). — 561 —